Servizi

STOCCAGGIO, TRATTAMENTO E RECUPERO MATERIALI.

Lo STOCCAGGIO e la MESSA IN RISERVA dei RAEE avviene all’ interno e all’ esterno di uno stabilimento con pavimentazione impermeabile in CLS lisciato al quarzo e tettoie a copertura, all’interno dello stesso sono collocate le linee di TRATTAMENTO dei RAEE appartenenti ai raggruppamenti R3 (CRT ed FPD), R4 ed R5, dotate di postazioni di selezione manuale e di macchinari automatizzati per la separazione delle varie componenti pericolose e non.

TRATTAMENTO DEI RAEE

La prima fase di lavorazione dei RAEE R3, viene eseguita lungo una linea di lavorazione dedicata e prevede lo smontaggio manuale delle componenti e la messa in sicurezza, su postazioni di lavoro con protezioni per gli operatori e con canale di raccolta della minuteria, per poi passare alla seconda fase di lavorazione, dove troviamo l’impianto di trattamento del tubo catodico composto da un modulo compatto ed automatizzato che esegue il taglio e la separazione delle due tipologie di vetro che compongono il tubo catodico; la bonifica dalle polveri fluorescenti pericolose contenute nel tubo catodico (Fosfori) con riciclo dell’acqua usata per il taglio.

La fase di lavorazione dei RAEE R5 avviene con l'impianto compatto di rottura e separazione CCS progettato per lavorare tubi fluorescenti di varie dimensioni e separare le componenti nelle seguenti frazioni: vetro, metalli/plastiche (terminali) e bonifica dalle polveri fluorescenti con abbattimento in filtri a manica e filtri a carboni attivi. Il pre-trattamento CS è un’unità di rottura e separazione compatta che rimuove la frazione plastica dalle CFL e dalle lampade di altra forma prima del successivo trattamento nell'unità CCS. Il Pre-trattamento CS è collegato al CCS come punto di alimentazione separato e può trattare anche materiale pre-frantumato.

Tutto ciò consente di raggiungere le finalità di miglioramento sopra descritte, che si possono riassumere negli aspetti ambientali più sensibili della gestione del trattamento rifiuti:

- maggior sicurezza nell’ ambiente di lavoro perché le operazioni di taglio del vetro e di bonifica delle polveri sono eseguite ad umido e in spazio chiuso, senza emissioni pericolose;

- il vetro è trattato per diventare materia prima secondaria (End of Waste), riducendo così le quantità di rifiuti attualmente destinati allo smaltimento;

- l’acqua di processo è riciclata, dopo il trattamento per eliminare i solidi sospesi, che sono avviati a smaltimento dopo opportuna filtrazione;

- le polveri pericolose sono raccolte per recupero/smaltimento differenziato;

- il totale recupero del vetro permette di raggiungere la maggior efficienza del trattamento eseguito.

RECUPERO DEI MATERIALI

Dopo il trattamento le frazioni decadenti cernite vengono stoccate in attesa di essere avviate a recupero/smaltimento in impianti terzi autorizzati fuori sito dove si potranno recuperare materie prime (End of Waste) come plastica, rame, ferro, acciaio, nichel, alluminio, vetro, argento, oro, piombo, mercurio e terre rare.

Feragame s.r.l. - Pavia